Crea sito
Nostrofiglio.it

La tosse è un meccanismo naturale e indispensabile, grazie al quale l’organismo cerca di liberare le vie respiratorie dalle secrezioni e dai microrganismi. Il muco e il catarro non devono mai essere bloccate ma resi più fluidi così da favorirne l’eliminazione con il colpo di tosse o soffiandosi il naso. Succede abbastanza frequentemente che il bambino vomiti a causa della tosse, così come di rintracciare del catarro nel vomito (appunto) o nelle feci. Non c’è da preoccuparsi è un modo anche questo per liberarsi delle secrezioni abbondanti.

Cosa possiamo fare per aiutare il nostro bambino ha sopportare e superare una brutta tosse?

– Far bere il bambino frequentemente. Offritegli tanta acqua ma anche tisane calde o latte dolcificato col miele (il miele solo dopo l’anno di vita).

– Fare i lavaggi nasali con soluzione fisiologica più volte al giorno (GUARDA QUI).

– Fare l’aerosol al bambino anche due volte al giorno solo con fisiologica. Per quanto riguarda i mucolitici (farmaci per rendere più fluide le secrezioni) spesso usati per fare l’aerosol è necessario che vengano sempre indicati dal pediatra di fiducia. Ormai da qualche anno il Ministero della Salute ne sconsiglia peraltro l’uso sotto i due anni di età.

– Dare  qualche cucchiaino di miele (dopo il primo anno di età) al piccolo prima di andare a dormire. Un recente studio (guarda qui) ha dimostrato che il miele calma la tosse notturna dei bambini (e non solo) in maniera paragonabile ad uno sciroppo sedativo a base di destrometorfano.

– Umidificare l’ambiente. E’ importante non utilizzare sostanze balsamiche perchè possono risultare irritanti nei bambini.

– Far dormire il piccolo con la testa un po’ sollevata.

– Areare correttamente la casa assicura il ricambio dell’aria e una percentuale di umidità corretta.

– Non esporre il bambino al fumo passivo ( questa consiglio è valido sempre..).

Normalmente la tosse catarrale dura una decina di giorni. Bisogna prestare attenzione che non si complichi dando origine ad una bronchite o che il catarro non si accumuli nell’orecchio causando un’otite. In tali situazioni è necessaria una visita dal pediatra che deciderà se è il caso di iniziare una terapia antibiotica.

Se il bambino fa fatica a respirare, appare sofferente, siamo in presenza di febbre alta da qualche giorno o se le labbra diventano bluastre durante gli attacchi di tosse è necessario farlo visitare urgentemente da un medico.

Ti potrebbero interessare:

– Come pulire il naso al bambino: i lavaggi nasali

– La grotta del sale

– L’importanza della convalescenza dopo una malattia

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore