Crea sito
Nostrofiglio.it

Cos’è il capoparto? E dopo quanto tempo dal parto si verifica?

Il capoparto è il primo flusso mestruale dopo il parto. Il ciclo non ricompare per tutte le donne nel medesimo periodo, se non si allatta al seno il capoparto dovrebbe verificarsi da 1 ai 3 mesi dal parto, se si allatta al seno i tempi si allungano, in genere dai 3 ai 6 mesi e oltre. In questo ultimo caso i tempi per la ricomparsa del ciclo mestruale dipendono principalmente dal numero di poppate ancora effettuate e dai livelli di prolattina ancora presenti nell’organismo. Ad esempio, se si continua ad allattare anche di notte, il ciclo può tornare anche dopo un anno dal parto, se invece non allattate mai durante la notte e il numero delle poppate è diminuito (di notte si hanno i livelli più alti di produzione di prolattina), il ciclo dovrebbe tornare verso i 6 mesi. La maggior produzione di prolattina infatti inibisce l’attività ovarica e quindi il ritorno del ciclo. Il capoparto si distingue di solito da un ciclo standard per l’intensità e la abbondanza e per la maggior durata, anche 8-10 giorni.

Dal momento che il ritorno delle mestruazioni dipende da diversi fattori, può variare anche per la stessa donna da gravidanza a gravidanza, nel mio caso per Giugiù ho avuto il capoparto dopo 10 mesi, per Patata prima dei sei mesi.

 

LEGGI ANCHE: Piccoli guai del dopo parto, morsi uterini, episiotomia, emorroidi, stitichezza, lochiazioni e incontinenza

 

Può capitare che il ciclo mestruale riprenda in modo irregolare, ad intermittenza, succede spesso che il ciclo successivo non si presenti. Non dovete preoccuparvi probabilmente tornerà regolare nell’arco di qualche mese. Se così non fosse meglio chiedere consiglio al ginecologo.

 

… e per quanto riguarda l’allattamento?

L’allattamento non è influenzato dal ritorno delle mestruazioni. Può comunque capitare che all’inizio il latte subisca una leggera riduzione o che il bebè manifesti dei lievi disturbi gastro-enterici o cutanei, dovuti alla variazione dei livelli di ormoni femminili presenti nel latte  della mamma. Non dovete preoccuparvi.


LEGGI ANCHE:
Allattamento al seno: chi ben comincia…


L’allattamento non è un metodo contraccettivo!

Non è assolutamente vero che non si può rimanere incinta mentre si allatta. Gli alti livelli di prolattina, che inibiscono l’attività ovarica, non sono così prevedibili. Inoltre dovete pensare che circa due settimane prima dell’arrivo del capo-parto avverrà l’ovulazione e sarete quindi fertili, ma voi lo saprete solo all’arrivo del primo ciclo, il cui ritorno come abbiamo visto dipende da tanti fattori e non è prevedibile. E’  quindi necessario utilizzare un metodo anticoncezionale con la ripresa dei rapporti sessuali se non si desidera una nuova gravidanza.

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore