Crea sito
Nostrofiglio.it

Le sei storie dei perchè di Sara Agostini edito Gribaudo, è un libro di storie illustrate a colori in cui i protagonisti sono i bambini e il tormentone dei loro perché. Penso che questo libro possa essere utile a noi genitori per rispondere ai  mille perchè, proteste, dubbi e curiosità dei nostri figli, in modo semplice ma ben articolato, dando una visione corretta ma allo stesso adatta alla loro età dei diversi perchè.

Le domande che si pongono i piccoli protagonisti del libro sono attuali e tipiche dei nostri piccoli:

– Perchè devo andare a nanna?

– Perchè non posso mangiare sempre dolci?

– Perchè abbiamo la pelle di colori diversi?

– Perchè è meglio guardare poco la TV?

– Perchè servono i soldi?

– Perchè non devo picchiare gli altri bambini?

Il modo e il tono col quale vengono affrontati i diversi argomenti è semplice, leggero, facilmente comprensibile anche dai più piccoli (età indicata per la lettura dai tre anni). I racconti si svolgono sotto forma di dialogo tra un adulto, la mamma, il papà o la maestra e i bambini con i loro dubbi e la loro logica. Le illustrazioni sono carine e simpatiche.

La storia preferita dai miei figli è la storia del Perchè abbiamo la pelle di diversi colori. Il racconto inizia con l’arrivo in classe di una nuova bambina, Aifa, proveniente dal Ghana.

le sei storie dei perchè

Una bambina, Anna, chiede alla maestra: ” Perchè Aifa ha un colore della pelle diverso dal nostro?”

“Perchè ha più melanina di noi” dice la maestra  “è un colorante che protegge dai raggi del sole. Aifa proviene dal Ghana, un paese caldo e la melanina protegge dalle scottature”.

La discussione prosegue, i bambini si osservano: ” Maestra, ma allora perchè Ola è così chiaro? Non può prendere il sole? Chiede Giacomo incuriosito.

” La famiglia di Ola una volta abitava in Norvegia, un paese nel quale il sole scotta meno e quindi la sua pelle e quella dei suoi familiari hanno meno…colorante!”

…..

” Sulla Terra” spiega la maestra ai bambini ” siamo in molti e tutti diversi! Ogni uomo ha la pelle di colore diverso a seconda del luogo in cui vive o dal quale proviene la sua famiglia”.

Il dialogo prosegue evidenziando la bellezza di essere tutti diversi, colore della pelle, forma degli occhi, naso, tipo di capelli ma facendo anche sottolineare dagli stessi bambini che ci sono cose che piacciono a tutti, che ci uniscono:

” Siamo tutti diversi ma ci sono delle cose che amiamo tutti, qualsiasi siano il colore della nostra pelle e la forma dei nostri occhi…” dice la maestra.

“Mangiare” suggerisce Michela.

“Esatto!” conferma la maestra ” anche se qualcun mangia le formiche e qualcun altro preferisce il prosciutto”.

“Secondo me, tutti i bambini del Mondo amano giocare” dice Arianna.

” E’ vero!” Esclama Aifa sorridendo ” anche se spesso fanno giochi diversi…”

” Io sono sicura che tutti i bambini vogliono le coccole!” dice Lucia.

“Hai proprio ragione! ” osserva la maestra. ” Come i fiori hanno colori differenti ma sono profumati, così gli uomini sono diversi ma vogliono tutti essere amati”.

Ho riportato qualche pezzo del libro per far capire il tono e lo stile, come dicevo semplice ma efficace.

Leggere con i nostri bambini è sempre bello e importante e può rappresentare un buon modo per rispondere alle loro domande, ai loro dubbi e alle loro obiezioni.

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore