Crea sito
Nostrofiglio.it

Come posso fare se il mio bambino non vuole lavarsi i denti?

Il mio bambino urla, si agita e scappa via ogni volta che provo a lavargli i denti. Come posso convincerlo a collaborare?
L’igiene orale non è qualcosa che si può rimandare o a cui poter rinunciare quindi forza e pazienza. I pediatri consigliano, in genere, di cominciare a effettuare la pulizia dei denti regolarmente al bambino il prima possibile, da quando cominciano ad avere qualche dente e iniziano ad alimentarsi in modo più vario, con cibi anche solidi (per non parlare di caramelle e dolci che potrebbero rimanere tra quei denti). Fino all’età di un anno circa potete pulire i dentini del bambino con una garza avvolta intorno ad un dito, poi passerete ad uno spazzolino, per bambini, morbido.

 

LEGGI ANCHE: Come togliere il pannolino al vostro bambino, l’utilizzo del vasino

 

Ogni bambino è diverso, alcuni bambini iniziano a lavarsi i denti senza grandi scene, altri fanno delle vere e proprie tragedie,  potrebbe essere necessario sperimentare diverse tattiche.  Se uno stratagemma non funziona, non forzatelo provatene altri. Informati, ad esempio, su come hanno fatto altri genitori, spesso si ottengono buoni consigli pratici oppure prendi in considerazione i seguenti suggerimenti:

  • Cerca di creare una routine positiva e non associare mai il lavarsi a qualcosa che non piace al bambino. Ad esempio la frase :”Lavati i denti e poi subito a letto!”, non è consigliabile associa il lavaggio dei denti ad un momento, l’andare a letto, spesso di per sé un po’ difficile per il piccolo. Andate col bambino a lavarvi i denti insieme (se ci sono altri fratellini tutti appassionatamente insieme) un po’ prima dell’ora della nanna, lavate i dentini giocando in tranquillità ( se il bambino è molto piccolo fatelo sedere sulle vostre ginocchia, con la testa appoggiata al vostro seno, spazzolategli i denti con delicatezza e poi invitatelo a sputare, piace a tutti) e poi lasciate che il piccolo giochi, guardi la televisione e si rilassi ancora un pochino prima di dormire;
  • Può essere utile avere a disposizione più spazzolini. Quando cerchi di lavare i denti al tuo bambino la prima cosa che cercherà di fare è cercare di afferrare lo spazzolino per lavarsi i denti da solo o per giocarci (un po’ come col cucchiaio quando gli dai la pappa). A questo punto prenderete  un secondo spazzolino e se necessario (anche il secondo potrebbe venirvi sottratto con la manina libera) un terzo per lavare, finalmente i suoi dentini (spesso utilizzerete gli spazzolini a rotazione, a turno);
  • Alla maggior parte dei bambini piace imitare i propri genitori, cerchiamo di fare in modo che imitino lo spazzolamento dei denti. Provate ad acquistare lo spazzolino insieme, magari stesso colore per voi e per il piccolo.  Sedetevi con il vostro bambino sul pavimento del bagno, così che possa vedere cosa state facendo con lo spazzolino da denti e possa così cercare di imitarvi. Utilizzate un bicchiere o una tazza colorata  per il risciacquo, ogni volta che il bambino mette il spazzolino in bocca, guadagna il diritto a sputare (indubbiamente la fase preferita del momento “lavaggio denti” per un bambino!). Una volta che il bambino è disposto a mettere lo spazzolino da denti in bocca, passare alla fase successiva: fargli tenere lo spazzolino in bocca e mentre lui spazzola i vostri denti voi vi occupate di lavargli bene i suoi;
  • Lasciate che il vostro bambino salga  su uno sgabello (con voi dietro di lui per sicurezza) in modo da potersi specchiare nello specchio del bagno. Guardandovi nello specchio indicate e contate i vostri e i suoi denti oppure giocate a dare un nome ad ogni singolo dentino. Quindi toccate ogni dente con lo spazzolino “per dargli la sua dose di dentifricio.”  Cercate di stimolare il senso di giustizia del vostro bambino, ogni dentino ogni dentino partecipa per diritto al gioco dello spazzolamento, anche i dentini più nascosti! (Non fate usare al vostro bambino dentifrici al fluoro almeno fino ai 2 anni di età. Fino ad allora è sufficiente lo spazzolino con l’acqua);


LEGGI ANCHE:
Come capire quando il bebè è pronto per lo svezzamento

 

  • Fate scegliere al bambino il dentifricio che gli piace di più, spesso cambia più il disegno del tubetto che il contenuto stesso (utilizzate una piccola quantità di dentifricio e fate in modo che non possa prenderlo da solo);
  • Provate a lasciargli lavare i denti alla sua bambola o orsetto preferiti mentre voi lavate i suoi;
  • Trovate qualche storia che insegni l’importanza di lavarsi i denti, leggetela o raccontategliela spesso così da poterla citare quando gli lavate i dentini  (a Giugiù piaceva Topo Tip non vuole lavarsi i denti ma in libreria trovate probabilmente lo stesso tema affrontato da uno dei personaggi amati da vostro figlio) ;
  • Trucco del dentista di Topo Tip (con mio figlio funzionava):” Vediamo un po’ se sei capace di spalancare la bocca come fanno i leoni…” in tono di sfida (potete ripetere con qualsiasi animale che piaccia al piccolo);
  • Un timer che scandisce il tempo per lavarsi i denti, io ho trovato, ad esempio, un app per l’Ipad Ginger Talking, c’è un timer di un minuto e mezzo per lavarsi i denti, anche il gatto protagonista si lava i denti e il sottofondo musicale scandisce il ritmo (potete provare anche con una semplice clessidra o un simpatico timer per cucina a forma di frutto o altro);

Non importa come affronterete lo spazzolamento dei dentini, non date per scontato che sarà facile e non aspettatevi la perfezione. Pochi bambini sono felici di lavarsi i denti e anche se lo fanno con tranquillità, manca loro la manualità per fare un lavoro accurato. Alternate o meglio unite i suoi tentativi di lavare i denti ad una vostra accurata pulizia.

 

 

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore