Crea sito
Questo sito contribuisce all'audience di Pianeta Donna

ARTICOLO REDATTO DA ANNA PAGNOTTA DI VIVO MONTESSORI PER LEMAMME.IT

Quando ho contattato Martina per chiederle una collaborazione non pensavo di iniziare a scrivere un articolo già pochi giorni dopo! Fin da subito ho intuito di aver trovato una persona molto disponibile ed eccomi qui a pochi giorni dal primo contatto a scrivere del metodo Montessori per il suo Blog. Innanzitutto mi presento, mi chiamo Anna Pagnotta sono la mamma di uno splendido cucciolo di due anni e mezzo, Educatrice d’Infanzia specializzata nel metodo Montessori e neo imprenditrice del sito www.vivomontessori.com

Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori

l’e-commerce di materiali Montessori e giochi educativi per bambini grazie al quale sono riuscita a coniugare amore per la famiglia, passione per il metodo e vita lavorativa.

L’argomento di cui desidero parlare oggi riguarda i materiali Montessori e le loro caratteristiche.

Quando ho iniziato ad avventurarmi nel mondo dei giocattoli da acquistare per il mio bambino, mi sono trovata un po’ in difficoltà: ci tenevo ad acquistare sia materiali montessoriani che “giochi educativi” ispirati al metodo e spesso mi sono chiesta quali caratteristiche dovesse avere un gioco per essere considerato in linea con la pedagogia Montessori.

Mi rendo conto che un solo articolo non è sufficiente per approfondire questa vasto tema ma cercherò di dare alle mamme che mi stanno leggendo degli spunti, delle linee guida da seguire quando decidono di acquistare un giocattolo:

  • 1) CONTROLLO DELL’ERRORE => questa è forse la caratteristica principale dei materiali Montessori: il controllo dell’errore è insito nell’oggetto stesso. Se non state acquistando prettamente uno dei materiali ideati dalla scienziata verificate che abbia questa qualità; deve permettere al bambino di essere autonomo nel controllare un eventuale sbaglio. Questo permette, anche ad un bambino piccolo, di procedere autonomamente per tentativi e raggiungere l’obiettivo in modo indipendente. Un esempio: TORRE ROSA => la torre rosa è una serie di 10 cubi da posizionare in modo graduale dal più grande al più piccolo. Nel momento in cui i 10 cubi non sono posizionati correttamente il bambino si accorge autonomamente che “qualcosa non ha funzionato” perché ad esempio gli avanzano dei cubi troppo grossi che non può posizionare nella parte alta della torre e piano piano con l’esperienza si perfeziona.
    Fonte Vivo Montessori
    Fonte Vivo Montessori

     

     

  • 2) UNICITA’ => i materiali Montessori hanno la peculiarità di presentare al bambino una qualità alla volta (esempio imparare i colori oppure riconoscere le forme, i suoni..) questo, secondo Maria Montessori, favorisce maggiormente la concentrazione e non “distrae” il bambino dal momento di autocostruzione psichica che sta vivendo. Molti giocattoli di oggi stimolano il bambino su più fronti: il senso del tatto, dell’udito, della vista, i giochi sono pieni di luci, suoni e colori ma coinvolgere contemporaneamente tutti i sensi lo può confondere.

Alcuni esempi:

a. CILINDRI DEI RUMORI =>

Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori

stimolano l’udito; all’interno di due scatole sono posizionati dei cilindri che producono dei suoni differenti. I cilindri sono differenziati esclusivamente dal coperchio (rosso e blu, 2 colori primari). Muovendo il cilindro, il bambino ascolta il suono prodotto e deve trovare la coppia di cilindri uguale all’interno delle due scatole differenti.

 

 

 

b.  TAVOLETTE DEL RUVIDO =>

Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori

stimolano il senso del tatto; le 10 tavolette hanno la superficie in carta smerigliata in 5 diversi livelli di ruvidità dal più ruvido al meno ruvido. Il bambino toccando la superficie farà l’esperienza diretta della differenza di ruvidezza e troverà poi le tavolette che hanno lo stesso livello di ruvidità.

 

 

 

 

  • 3) LIMITATO => questo è sicuramente uno dei consigli che considero più preziosi, ed è correlato al punto precedente: i giochi a disposizione del bambino devono essere limitati nella quantità. Un numero elevato di giocattoli conduce il bambino ad irrequietezza e al caos, lo confonde e lo rende nervoso perché non sa dove dirigere la propria attività. Una quantità limitata aiuta la mente a costruirsi ed ordinarsi. Quindi mamme, organizzate lo spazio dei vostri bambini con pochi giocattoli a disposizione e prevedete un armadio dove riporre quelli che avete già acquistato e che mano a mano gli offrirete a seconda dei nuovi interessi che svilupperà il vostro bambino!
  • 4)  MATERIALI NATURALI => Maria Montessori prediligeva il legno, un materiale caldo e dalle proprietà sensoriali molto elevate ed, in generale, tutti i materiali naturali (ad esempio le stoffe come cotone, seta) che offrono grande sensorialità e permettono di soddisfare i bisogni di scoperta e di esplorazione. Quando acquistate un gioco non prettamente montessoriano scegliete principalmente il legno e scoprirete quanto questo materiale ha da offrire al vostro bambino! Alcuni esempi di giochi in legno li trovate qui:

VIVO MONTESSORI: GIOCHI DI ISPIRAZIONE MONTESSORIANA

Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori
Fonte Vivo Montessori
  • 5) ESTETICA => i materiali Montessori sono attraenti, belli da vedere, Il colore la lucentezza, l’armonia delle forme sono curate in ogni particolare. Maria Montessori parlava della “voce delle cose” secondo il suo pensiero gli oggetti parlano e invitano il bambino ad usarli e ad averne cura. Per questo è importante che nell’ambiente del bambino ci siamo sempre giochi e puliti e ordinati, se sono rotti oppure mancano delle parti cercate di ripararli o se proprio non è possibile cercate di riciclarli in qualche modo ma non lasciateli a disposizione del bambino.
  • 6) ADEGUATO ALLE CAPACITA’ => forse questo può sembrare un consiglio banale ma quanto è importante seguirlo nella scelta di un giocattolo! è fondamentale offrire sempre al bambino giochi adatti non solo alla sua età ma soprattutto alle capacità che ha acquisito. Un gioco troppo difficile per le sue abilità potrebbe essere fonte di frustrazione e potrebbe portare il bambino allo scoraggiamento d’altra parte un gioco troppo “semplice” lo potrebbe annoiare o peggio ad innervosirsi perché non trova stimoli adeguati alle sue abilità. Noi mamme conosciamo i nostri figli e sappiamo bene quali capacità hanno acquisito e quali invece devono ancora scoprire, aiutiamoli in questo percorso offrendoli giocattoli il più possibile in linea con le conquiste che hanno fatto!

Spero di avervi dato dei buoni consigli nello scegliere i giocattoli migliori per i vostri bambini, se desiderate acquistare uno dei miei prodotti potete visitare il sito www.vivomontessori.com a tutte le lettrici del blog lemamme.it uno sconto esclusivo! Basterà inserire nel carrello al momento dell’acquisto il codice promozionale: SCONTOLEMAMME valido su tutto il carrello senza un minimo di spesa! Sono esclusi dalla promozione i prodotti già in saldo. Per qualsiasi consiglio e informazione potete contattarmi al link servizio clienti.

 

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore