Crea sito
Nostrofiglio.it

Se da una parte è sicuramente giusto che i bambini abbiano delle regole su quali cose è permesso loro toccare e quali no nei vari ambienti della casa, è d’altra parte importante che la loro cameretta sia uno spazio a loro disposizione, nel quale poter giocare liberamente.

E’ altrettanto necessario però insegnare ai bambini a rimettere in ordine una volta terminato di giocare. Se la cameretta del bambino è ben organizzata ed è in ordine, rassicura  il piccolo, aiuta, per così dire, il suo ordine mentale. In una camera ben organizzata e ordinata il bambino sa muoversi, sa dove trovare i propri giochi e le proprie cose.

 

Ma come possiamo insegnare ad un bambino a riordinare la propria cameretta?

E’ importante che la camera sia organizzata in maniera tematica. Potete utilizzare contenitori o ceste colorate suddivise per tema, avremo così la cesta delle macchinine, dei puzzle, degli incastri, dei memori, dei peluche, dei lego, delle bambole etc etc. Su ogni cesta metterete un’immagine che ne descriva il contenuto per facilitare il lavoro del piccolo, per aiutarlo a comprendere più facilmente la logica organizzativa. Le ceste o i contenitori devono ovviamente essere alla portata del bambino ed avere dimensioni e peso (soprattutto se il piccolo deve spostarle) congeniali.

I giocattoli in disordine o riposti tutti assieme in un’unica cassapanca possono creare un senso di confusione nel bambino e renderne più difficoltoso il compito.

E’ importante che il genitore insegni al bimbo a riordinare in autonomia. Potrete aiutare il piccolo accompagnandolo a raccogliere i vari giochi portando voi la cesta o il contenitore e invitandolo a raccogliere e riporre i giochi all’interno. Un altro metodo, utile soprattutto con i bambini più piccoli, può essere di impostare l’attività del rimettere in ordine come un ulteriore gioco: dove vanno i libri? Bravissimo sopra la mensola! E le macchinine dove le spingiamo? Bravissimo nella cesta rossa! E così via…

E’ importante non cercare di convincere il bambino a riordinare promettendo premi o minacciando punizioni, il piccolo deve imparare semplicemente che ci sono alcune regole e che devono essere rispettate senza secondi fini.

Giocare liberamente è importante  per un corretto sviluppo del bambino, lasciategli prendere tutti i giochi che vuole,  il gioco stimola la fantasia e la creatività, è quindi importante non impedire al bambino quando gioca di mettere fuori anche molti giochi in contemporanea.   Insegnategli che a fine giornata è un suo compito rimettere a posto la sua cameretta. Non pretendete che il bambino metta a posto i giochi in continuazione, sarebbe solo uno stress sia per il bambino che per voi. Occuparsi della propria cameretta è un buon modo per responsabilizzare i nostri piccoli, non abituateli che siete voi a mettere in ordine, all’inizio potete anche aiutarli ma l’obiettivo è l’autonomia.

Fate attenzione a non pretendere che il bambino metta in ordine proprio come fareste voi, ognuno di noi ha il suo senso dell’ordine, che varia anche in base all’età,  “Non correggete mai il lavoro del piccolo davanti a lui”, quando sarà impegnato a fare altro potrete dare qualche aggiustatina, se proprio ce ne sarà bisogno.

 Come ultima cosa ma assolutamente non ultima in ordine di importanza: insegnate l’ordine attraverso l’esempio. Se noi per primi siamo disordinati e lasciamo tutto in giro, come possiamo insegnare l’ordine ai nostri piccoli?

 

Ecco un tutorial interessante:

Come far tenere la cameretta in ordine al bambino. Pianeta mamma a cura della pedagogista Pamela Fragale.

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore