Crea sito
Nostrofiglio.it

– Che cosa è l’acido folico? E quali funzioni svolge?

L’acido folico o vitamina B9 è essenziale per il corretto sviluppo del sistema nervoso del neonato. Riduce l’incidenza di gravi malformazioni quali spina bifida e anencefalia. La spina bifida o mielomeningocele è una malformazione del sistema nervoso causata dalla chiusura non completa del tubo neurale fin dalle prime settimane di sviluppo dell’embrione. L’ anecefalia è una malformazione congenita grave, il nascituro risulta privo totalmente o parzialmente della volta cranica e dell’encefalo. I medici consigliano di iniziare ad assumere acido folico  da almeno 2-3 mesi prima dell’instaurarsi della gravidanza. Dal momento che si tratta di una vitamina idrosolubile, che viene quindi facilmente eliminata dall’organismo quando in eccesso, non ci sono effetti collaterali nè limiti di tempo di assunzione.

L’acido folico svolge nell’uomo una funzione essenziale per la sintesi del DNA, del RNA (il nostro codice genetico) e delle proteine, è necessario per la formazione dei globuli rossi e nella funzionalità del ferro, è utile anche al buon funzionamento del sistema nervoso e degli organi sessuali. Sono in corso studi atti a dimostrare una sua ulteriore funzione protettiva nelle patologie cardiovascolari e nell’ipertensione.

Oltre ad essere essenziale per il corretto sviluppo del sistema nervoso del bambino, assumere un’adeguata quantità di acido folico può  aiutare a prevenire i seguenti problemi :

– parto prematuro o aborto spontaneo;
– basso peso del bebè alla nascita;
– alcune complicazioni della gravidanza come la preeclampsia;
– labbro leporino e palatoschisi.

Durante la gravidanza il fabbisogno quotidiano di acido folico aumenta notevolmente passando da 0,2 mg al giorno a 0,4-0,8 mg giorno.

 

LEGGI ANCHE: Gravidanza, lo sviluppo del feto mese per mese

 

– Quali alimenti sono ricchi di acido folico?

Numerosi alimenti sono ricchi di acido folico: verdure a foglia verde (spinaci, insalate, cavolo etc), asparagi, arance, kiwi, banane, legumi, broccoli, pomodori, lievito di birra, fegato di vitello, cereali meglio se integrali.

Attenzione la frutta e la verdura vanno consumate preferibilmente crude, poiché questa vitamina è poco stabile e se sottoposta a calore elevato può degradarsi, è inoltre sensibile alla luce, i cibi che la contengono non devono essere esposti direttamente ai raggi solari durante la conservazione.

 

– Quale è la dose di integrazione quotidiana consigliata in gravidanza?

I ginecologi raccomandano di assumere un integratore di acido folico almeno fino alla fine del primo trimestre di gravidanza, la dose in genere consigliata è di 0,4  mg al giorno. Molti medici consigliano di proseguire l’assunzione per tutta la gravidanza, soprattutto se la mamma non è sicura di riuscire a curare sempre  adeguatamente la propria alimentazione. Da tener presente che gli integratori di vitamine e sali minerali specifici per la gravidanza contengono in genere tale quantità di acido folico. Se quindi assumete già un integratore generico vitaminico specifico per la gravidanza non avete necessità di ulteriori integrazioni. Controllate comunque per sicurezza sull’etichetta la quantità di acido folico presente nel vostro integratore.

 

Fonti principali:

Folic acid: Why you need it before and during pregnancy

– Folic Acid and Pregnancy

 

 

 

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore