Crea sito
Questo sito contribuisce all'audience di Pianeta Donna

In genere si consiglia di preparare la borsa per l’ospedale, una per la mamma e una per il bebè, a partire dal settimo mese di gravidanza, così da essere pronte anche nell’eventualità che il nostro piccolo voglia conoscerci un po’ prima del previsto. E’ comodo tenere la lista delle cose necessarie a portata di mano così da aggiungere, alla borsa già pronta, le ultime cose da mettere al momento della partenza, tipo la tessera sanitaria, i documenti, la cartella clinica con eco e analisi etc. Con la lista a disposizione se tu o il futuro papà andrete un po’ in panico non sarà certo un problema.

E’ consigliabile chiedere direttamente all’ospedale, dove avete deciso di partorire, cosa è richiesto, sia per la mamma, sia per il bebè: in alcuni centri vengono forniti, ad esempio, gli assorbenti post parto, i pannolini, l’occorrente per pulire  il piccolo al cambio pannolino e addirittura ghettine e bodini per il cambio del neonato, in altri ospedali dovete portare tutto compresa la carta igienica. Se potete visitate prima le stanze di degenza e verificate lo spazio che avrete a disposizione, è comunque consigliabile non portare borse enormi!

 

LEGGI ANCHE: Le fasi del parto

 

La valigia per il parto in ospedale della mamma, ecco il necessario:

valigia parto ospedale

  • Documenti: la cartella clinica ostetrica completa (verificate che ci siano gli ultimi esami clinici eseguiti, il risultato del tampone vaginale/anale etc), tessera sanitaria, documento di riconoscimento, piano del parto (se lo avete preparato);
  • camicie da notte, aperte sul davanti almeno tre (dovete averne a casa pronte delle altre, appena partorito con la montata lattea in arrivo si suda moltissimo, vorrete cambiarvi continuamente);
  • vestaglia (se la stagione lo richiede e comunque utile per muovervi in reparto);
  • pantofole;
  • reggiseni per allattare all’inizio due, prendete una taglia in più rispetto a fine gravidanza. Non ne acquisterei di più subito perchè con la montata lattea e poi almeno nei primi mesi dopo il parto (ovviamente se decidete di allattare al seno)  non potete sapere di che taglia avrete bisogno;
  • coppette assorbilatte, da usare con attenzione (sostituitele quando umide e non utilizzatele in caso di ragadi);
  • pancera (consigliata/richiesta nel post parto se partorite con parto cesareo);
  • assorbenti post parto meglio se in ovatta e garza (diversi ospedali li forniscono);
  • asciugamani;
  • mutandine a rete usa e getta post parto (brutte ma molto utili) almeno tre;
  • olio di mandorle o lanolina pura per idratare e ammorbidire la pelle dei capezzoli (quando iniziate ad attaccare al seno il bambino è molto utile);
  • tutto il necessario per la vostra igiene personale: detergente intimo (in farmacia ne trovate di specifici per il post parto), spazzolino da denti, dentifricio, deodorante (anche se normalmente non avete particolari problemi portate un deodorante potente), docciaschiuma, shampoo, spazzola per capelli (laccetti se avete i capelli lunghi), ciabattine per doccia, carta igienica (in genere è fornita ma non sempre);
  • Cose utili durante il parto: bottiglietta di acqua, qualcosa da sgranocchiare se il travaglio è lungo, qualche snack, crackers, succo di frutta (in genere ci sono i distributori automatici ma non in tutti gli ospedali);
  • lucchetto per chiudere in sicurezza l’armadietto (spesso non fornito);
  • cellulare e carica batterie;
  • se dimenticate qualcosa non preoccupatevi, mariti, mamme etc servono anche a questo!

 

 LEGGI ANCHE: Il papà in sala parto

 

La borsa del bebè, il necessario:

valigia parto ospedale bebè

  • 3 tutine o ghetta e magliettina  (attenzione a come si mettono, le più comode si aprono completamente posteriormente o anteriormente, più comode da mettere se siete inesperte);
  • 4-5 body a maniche corte in cotone;
  • 2 calzine;
  • 1-2 bavaglini;
  • per la dimissione: cappellino, copertina e se inverno un completo più pesante.

Si consiglia di lavare prima tutti gli indumenti (la pelle dei neonati è molto delicata) e riporli in singoli sacchetti con scritto nome e cognome del bebè, ogni sacchetto un completo, body e tutina o body, maglietta e ghettina. Questo accorgimento risulterà molto utile al momento del bisogno, permetterà infatti anche al papà più confuso di trovare il cambio per il bambino da portare alla nursery.

 

LEGGI ANCHE: L’indice di Apgar

 

 E per il papà cosa serve?

  • macchina fotografica (carica se necessita di carica);
  • telecamera (carica se necessita di carica);

 

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore