Crea sito
Nostrofiglio.it

Per poter funzionare al meglio, l’organismo del bambino necessita di uno stile di vita sano, all’aperto  e di un’alimentazione bilanciata e varia.

I cereali, integrali e semintegrali, scelti in modo vario, sono importanti alleati per fornire ai bambini i nutrienti necessari per la vita quotidiana e per il corretto sviluppo del cervello.

Occorre fare una distinzione tra cereali raffinati e cereali integrali. I cereali raffinati, come la farina bianca, il riso o l’orzo perlato, sono praticamente del tutto privi di fibre, possono di conseguenza facilitare l’insorgere di stipsi o provocare colon irritabile, tendono ad alzare i livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti. Possono inoltre causare stanchezza e sonnolenza subito dopo il pasto. I cereali integrali o semi integrali, oltre a non presentare questi difetti ma ad avere anzi gli effetti opposti, contengono anche omega 3, acidi grassi polinsaturi, che svolgono, tra le altre cose, un ruolo essenziale nella crescita e sviluppo del cervello.

 

Ma vediamo le caratteristiche specifiche per quanto riguarda l’orzo

In commercio si può trovare l’orzo perlato, cioè privato di tutti gli strati esterni, quello integrale, ottenuto eliminando solo le parti esterne più dure del cicco, ottimo ma con tempi di cottura abbastanza impegnativi e per ultimo l’orzo decorticato, per così dire un prodotto intermedio, pratico all’uso e con un elevato valore nutritivo.

L’orzo risulta essere il cereale più ricco da un punto di vista proteico (10%), povero di grassi (1,4 % ), costituito da amido per il 70% e  con un’ottima quantità di fibre.  E’ inoltre ricco di fosforo, potassio, magnesio, ferro, calcio, silicio e zinco, da qui le sue note proprietà rimineralizzanti. Contiene inoltre discrete quantità di vitamine, in particolare vitamina E e del gruppo B. Da un punto di vista calorico 100 grammi d’orzo apportano all’incirca 320 Kcal.

 

L’orzo integrale e le sue proprietà:

– Proprietà digestive: l’orzo presentando facile digeribilità e proprietà rinfrescanti facilita la digestione in bambini e anziani;

– Regolatore delle funzioni intestinali, grazie al suo alto contenuto di fibre;

– Efficace nel controllo del colesterolo (inibisce la sintesi del colesterolo cattivo da parte del fegato);

– Regola l’assorbimento di glucosio, aiutando a mantenere costante la glicemia dopo i pasti;

– Svolge un’azione antiinfiammatoria ed emoliente del tratto gastro-intestinale;

– Azione rimineralizzante dovuta alla ricchezza di sali minerali;

– Favorisce le capacità intellettive grazie alla ricchezza in fosforo;

– Ottimo rimineralizzante specifico per le ossa (fosforo);

– Blanda azione sedativa dovuta al silicio.

 

Quando capita che i nostri piccoli siano più irrequieti, di cattivo umore, stressati dai ritmi scolastici o stiano  attraversando un periodo di stanchezza a causa dell’influenza, anche scegliere i cibi giusti diventa importante e  può essere di aiuto per i nostri bambini. Fra gli alimenti sicuramente consigliabili ci sono proprio i cereali, in primis orzo e avena, grazie alle sostanze contenute come vitamine, sali minerali, oligoelementi e aminoacidi in grado di agire sul cervello migliorandone il tono dell’umore.

Il consumo quotidiano e bilanciato di cereali può anche migliorare la memoria dei nostri bambini, aiutandoli nell’apprendimento scolastico. L’orzo è ricco di nutrienti importanti come la vitamina PP (nota anche come niacina e necessaria per la produzione di energia), le vitamine del gruppo B, il ferro ma soprattutto il fosforo, essenziale per i processi di memorizzazione.

 

Quando introdurre l’orzo nell’alimentazione del bambino?

L’orzo può essere introdotto nel menù dello svezzamento non appena il bambino risulti in grado di mangiare il chicco intero lessato e nella zuppa.

 

Come si conserva?

L’orzo perlato resiste più a lungo rispetto al decorticato e all’integrale, vanno conservati all’asciutto e meglio se protetti dalla luce.

 

Come si cuoce?

L’orzo perlato non richiede ammollo, deve essere lavato bene e messo a cuocere in almeno il triplo di acqua rispetto al suo volume. Di solito cuoce in circa 40 minuti, a fine cottura si aggiunge il sale ed è pronto. L’orzo decorticato invece richiede di essere messo in ammollo per tutta la notte (12 ore) e lessato sempre in abbondante acqua per non meno di 60 minuti . Per quanto riguarda l’orzo integrale si consiglia di metterlo in ammollo per un giorno intero e lessarlo in abbondante acqua per non meno di un’ora e mezzo/due ore.

 

Disclaimer

I contenuti dell’articolo pubblicato non vogliono in alcun modo sostituire il parere dello specialista di riferimento, ma devono considerarsi note a carattere informativo. Leggi il disclaimer e le note legali

Autore